Da numerosi scritti sappiamo che Roma era una città rumorosa di giorno e di notte
Foto:ordinefuturo.net

Di giorno c'era un gran frastuono causato dalle martellate dei battirame, dagli stridii dei fabbri, dal vociare dei bottegai che esponevano la merce lungo le strade e dagli artigiani che avevano le officine aperte sulle vie.

Di notte, quando la città piombava nel buio incominciava il rumore dei carri che potevano circolare solo di notte poiché una legge di Cesare, riconfermata sempre dai suoi successori, vietava la circolazione dei carri durante il giorno per evitare intasamenti ed incidenti facili da causare in quelle strade strette ed affollate. Doveva essere difficile riposare per chi viveva nei caseggiati popolari lungo le strade.

Marziale, vissuto nel I secolo d. C. ci dice: " a Roma si dorme bene solo nelle case dei ricchi, nelle ville isolate dal verde dei giardini e degli orti".

CONDIVIDI CON STILE !!!

foto: monteverdelegge.it

LA TUA REAZIONE?

Conversazioni Facebook